Arbitri e Periti

GLI ARBITRI

L’Arbitro è un professionista esperto nella materia oggetto della controversia, indipendente ed imparziale rispetto alle parti in lite.

Gli Arbitri decidono le controversie devolute alla loro competenza mediante l’adozione di un provvedimento finale denominato “Lodo arbitrale”, che ha la stessa valenza e produce gli stessi effetti della sentenza emessa da un giudice ordinario.

La Camera Arbitrale, quale organismo di alta specializzazione, ha predisposto al suo interno un Albo degli Arbitri, nel quale risultano iscritti professionisti con comprovata ed elevata professionalità nel settore marittimo.

In conformità al Regolamento della Camera Arbitrale – e salvo diversa previsione contenuta nella convenzione arbitrale o successiva richiesta delle parti – le controversie devolute alla Camera Arbitrale sono decise da un collegio di tre arbitri.

Ciascuna parte, rispettivamente nella domanda di arbitrato e nella memoria di risposta, deve provvedere a nominare il proprio arbitro. In mancanza, provvede alla designazione la Camera Arbitrale. Il terzo arbitro, che assume le funzioni di presidente del Collegio Arbitrale, deve essere scelto dagli arbitri designati dalle parti entro il termine assegnato dalla Segreteria, o, in mancanza viene scelto dalla Camera Arbitrale.

Nel caso in cui, invece, la controversia sia affidata per volontà delle parti ad un Arbitro Unico, queste dovranno provvedere di comune accordo alla nomina entro il termine assegnato dalla Segreteria. In assenza di accordo fra le parti l’Arbitro Unico viene nominato dalla Camera Arbitrale.

In tutti i casi in cui la designazione degli arbitri è di competenza della Camera Arbitrale, quest’ultima è tenuta ad individuare i nominativi scegliendo fra i soggetti iscritti nell’Albo degli Arbitri tenuto presso la Camera Arbitrale.

Allo stesso modo, sono tenuti a procedere gli arbitri delle parti chiamati alla designazione dell’arbitro con funzione di Presidente del Collegio Arbitrale, nonché le parti per la scelta dell’Arbitro Unico.

E’ sempre fatta salva la facoltà delle parti di scegliere anche i propri arbitri nell’ambito dell’Albo degli Arbitri tenuto dalla Camera Arbitrale.